giovedì 27 giugno 2013

In cucina con Nicoletta. Gnocchetti al pesto.

Perché cucinare è bello, ma farlo in compagnia è molto più divertente!
È per questo che da oggi vi proporrò delle ricette realizzate in collaborazione con tanti amici.
Perché la cucina, il cibo, la convivialità sono occasione per stare insieme, conoscersi, scambiarsi idee, condividere sapori.

La prima ricetta l’ho realizzata con Nicoletta.


Nicoletta l'ho conosciuta appena arrivata qui in Liguria, all'inizio eravamo colleghe, oggi care amiche. Vive nel centro di Genova, in una casa che adoro, confortevole e arredata con un gusto squisito. È stata una delle mie fonti d'ispirazione nella scelta di rinnovare un po’ la mia quotidianità e se ho aperto questo blog un pochino, forse, lo devo anche a lei.

È una persona davvero creativa, insieme ad un’altra nostra amica, Roberta, realizzano artigianalmente bellissimi oggetti per la casa e se volete saperne di più andate fate un salto nella loro pagina fb Il Punta Spilli, troverete sicuramente tante idee interessanti!

Quando l'ho chiamata per raccontarle di questo viaggio è stata entusiasta e felice per me, felice nel vedermi così felice.  È per questo che senza un attimo di esitazione ha deciso di regalare a me, e a voi, una splendida ricetta, perché dimenticavo, cucina benissimo!!!!!
E visto che come sapete ci troviamo il Liguria, da buona ligure mi ha spiegato i trucchi per realizzare un ottimo pesto alla genovese. Ci abbiamo condito degli squisiti gnocchetti fatti in casa per cui in realtà oggi doppia ricetta! E allora venite in cucina con noi.

Vi racconto gli ingredienti per 4 persone:

Per gli gnocchi
5 patate vecchie ( per gli gnocchi non usate mai le patate novelle, più le patate sono vecchie e migliore sarà il risultato!)
Farina 00 qb
Sale qb

Per il pesto
2 mazzetti di basilico di Prà o Dop ( circa 100gr di sole foglie)
20gr pinoli
25gr parmigiano reggiano
10gr pecorino sardo
1 spicchio d'aglio senza l'anima
50ml olio extra vergine d'oliva ligure ( o un altro olio dal sapore non troppo intenso)
sale grosso qb


Come prima cosa abbiamo pulito il basilico, noi lo abbiamo leggermente lavato e asciugato bene ma pare che un tempo le buone massaie genovesi lo pulissero foglia a foglia con un pannetto umido per non rovinarne l'aroma, voi fate pure come preferite, dipende dal vostro tempo e dalla vostra pazienza.

Abbiamo poi messo nel mortaio di marmo il sale grosso, i pinoli, i formaggi, il basilico e iniziato a pestare il tutto in verticale.
Il pestino come vedete è in legno, questo perché il basilico non deve entrare in contatto con il metallo, tipo la lama del coltello, altrimenti ossidandosi il suo aroma si trasformerebbe e perderebbe di intensità.Dopo che il tutto sembrava già abbastanza triturato abbiamo iniziato ad aggiungere l'olio a filo e continuato a pestare, questa volta anche in maniera rotatoria. Ve lo anticipo, armatevi di pazienza e di tanto olio di gomito!


Piccola nota: la quantità dell'olio in realtà va dosata un po' ad occhio, la dose che vi ho dato è indicativa, l'importante è che lo aggiungiate poco alla volta così da fermarvi quando il vostro pesto avrà la cremosità che preferite. Però ve lo dico, abbasso le diete! Nel pesto buono l'olio ci vuole.

Passiamo agli gnocchi! Come prima cosa abbiamo lessato le patate intere, quindi le abbiamo sbucciate, schiacciate con lo schiacciapatate,aggiunto la farina, il sale e iniziato ad impastare; la quantità della farina non è fissa, dipende molto dalla qualità delle patate, diciamo che dovete ottenere un impasto morbido ma abbastanza compatto, come quello che vedete qui in foto.


E cosi, mentre io ho continuato a pestare e pestare, Nicoletta ha ricavato dall'impasto di patate dei bei salsicciotti larghi circa un dito e li ha tagliati a tocchetti, gnocchi pronti!


Consiglio della Nico: oltre l'acqua normale, mettete sul fuoco un pentolino con poca acqua e prima di cuocere gli gnocchi provate a cuocerne qui uno solo; se si dovesse sfaldare nell'acqua siete in tempo a rimpastare il tutto aggiungendo un uovo come legante, sarà sicuramente un doppio lavoro ma almeno avrete salvato la cena.



Come vedete, in fine abbiamo cotto gli gnocchi in abbondante acqua salata, li abbiamo scolati, conditi con il pesto e aggiunto un ultimo filo d'olio. 


E che dire, grazie Nico e buon appetito a tutti voi!


2 commenti:

  1. Ciao un piacere arrivare fino a qua. ho conosciuto Nicoletta e Roberta a Firenze "Creative in fiore" poi le ho incontrate nuovamente a Casinalbo e hanno "mani d'oro". Segno subito la ricetta anche se da noi il pesto non viene mai uguale!!! Sigh
    Buon week end e a presto
    Elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena,
      Si, Nico e Roberta sono davvero bravissime!!!!!
      Segna la ricetta e spero che tornerai a trovarmi per vedere le altre di ricette, ad esempio il dolce di oggi l'avevo preparato proprio per la cena con Nicoletta per cui lei può testimoniare com'è ;-)
      Se vuoi seguimi anche sulla pagina fb https://www.facebook.com/theinsaladwriter

      Buon week end e a presto
      Manu

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...